logo

Benvenuti sul sito di Sicurdata Srl. Siamo a vostra disposizione per tutto ciò che riguarda consulenza in ambito Data Protection & E-Privacy e Compliance.

Contatti

Indirizzo:

Viale Belfiore, 42 - 50123 - Firenze (FI), Italia.
Email : info@opendata.it

 Domande?

Visita la sezione Questions & Answers

Sicurdata - Displaying items by tag: iso 9001

Lunedì, 22 Giugno 2015 09:33

Informazioni generali

Informazioni generali sulla Legge 231/2001
Le recenti normative in materia di sicurezza hanno esteso la responsabilità amministrativa delle imprese (D.Lgs. 231/01) ai reati di omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commessi con violazione delle norme in ambito salute sicurezza. Negli ultimi mesi il D.Lgs. 231/01 è stato esteso a nuove fattispecie di reato (fra cui reati informatici, reati in materia di proprietà industriale e violazione del diritto d'autore, reato di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria, ecc.). Le disposizioni della Direttiva 2008/99/CE, relativa alla tutela penale dell'ambiente, sono destinate ad avere effetti imminenti sulla responsabilità da reato delle imprese ai sensi del D.Lgs. 231/01, estendendone l'ambito di applicazione anche ai reati ambientali. Oggi le sanzioni amministrative, pecuniarie ed interdittive, previste dal decreto per le imprese sono pesantissime e dissuasive, in alcuni casi potrebbero mettere in discussione la sopravvivenza stessa dell'azienda.

Il legislatore ha tuttavia previsto per l'impresa la possibilità di essere esonerata dalla responsabilità amministrativa qualora dimostri di avere adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione dei reati, un modello organizzativo idoneo alla loro prevenzione.

Il modello organizzativo
Il D.Lgs. 231/01 introduce per la prima volta nel nostro ordinamento l'obbligo di dover rispondere in quanto persona giuridica per i reati commessi all'interno della propria struttura. Il D.Lgs. 231/01 ha però previsto una sorte di paracadute: le aziende possono cautelarsi adottando e facendo rispettare modelli di organizzazione e gestione interna. I nostri consulenti sono in grado di fornire la soluzione migliore per prevenire possibili sanzioni a danno delle società, al fine di poter prevenire possibili sanzioni a carico delle aziende che possono portare sino all’inibizione di ogni attività svolta. I reati sono di diversa tipologia e riguardano sia i rapporti tra privati che quelli con le pubbliche amministrazioni. In particolare, sotto tale ultimo profilo, sono già presenti vincoli di legge volti ad impedire che le aziende possano stipulare rapporti con la P.A. in assenza di modelli organizzativo/gestionali presenti al proprio interno.

Chi deve farlo
Dal punto di vista normativo devono redigerlo tutte le società e le associazioni (anche non riconosciute) che abbiano a qualsiasi titolo rapporti con la P.A. (anche nell’ipotesi in cui tali rapporti consistano in meri finanziamenti pubblici). In sostanza deve redigerlo ogni società o associazione (sia essa piccola media o grande) che non voglia incorrere nei rapporti commerciali con privati od enti pubblici in possibili sanzioni economiche e/o inibitorie. A titolo esemplificativo tra gli enti forniti di personalità giuridica si menzionano: società di capitali; società cooperative; fondazioni; associazioni riconosciute; enti privati e pubblici economici; enti privati che esercitano un servizio pubblico in virtù di una concessione, convenzione, parificazione o analogo atto amministrativo. tra gli enti privi di personalità giuridica: società di persone; consorzi e associazioni non riconosciute. Le disposizioni sulla responsabilità amministrativa degli enti non si applicano allo Stato, agli enti pubblici non economici, agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale ed alle ditte individuali.

Domande frequenti sulla Legge 231/2001

Published in legge 231/2001

Cookies

I cookies sono piccoli file di testo creati da un server e sono memorizzati sul dispositivo utilizzato dall'Utente per la navigazione sul sito. Essi permettono al sito di garantire all'Utente tutte le funzionalità, una migliore e completa esperienza di navigazione, e di essere al corrente delle preferenze e dei comportamenti dell'utente. Sicurdata Srl utilizza due tipi di cookies, di sessione e persistenti.

I cookies di sessione consentono all'Utente l'esplorazione sicura ed efficiente del sito internet; questi cookies non vengono memorizzati in modo permanente sul dispositivo dell'Utente e si cancellano con la chiusura del browser. I cookies persistenti vengono trasmessi al dispositivo dell'Utente la prima volta che si collega al sito di Sicurdata Srl, e sono memorizzati sul dispositivo stesso. Sicurdata Srl utilizza cookies persistenti per memorizzare le preferenze dell'utente e di terze parti (Google Analytics) al fine di produrre statistiche di utilizzo del sito e per la scelta della lingua.

L'Utente può opporsi alla registrazione dei cookies sul proprio dispositivo configurando il browser usato per la navigazione: se utilizza il sito di Sicurdata Srl senza cambiare le impostazioni del browser, presupponiamo che vorrà ricevere tutti i cookies usati dal sito e fruire di tutte le funzionalità.

Newsletter

Iscrivendoti alla nostra mailing list sarai in grado di ricevere tutte le nostre ultime notizie.
Privacy e Termini di Utilizzo
Non preoccuparti, odiamo lo spam!

Contattaci

Rimaniamo in contatto